Accedi Registrati

Connettiti al tuo account

Username *
Password *
Ricordami

Creare un account

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Username *
Password *
Verifica la password *
Email *
Verifica Email *
Captcha *
Reload Captcha
IT

Cosa è il Watsu?

Watsu è un trattamento unico e innovativo, diverso da qualsiasi altro massaggio che tu possa già conoscere, e che crea le migliori condizioni per rilasciare tensioni di qualsiasi natura. Grazie all'assenza di gravità, l'acqua può muovere il tuo corpo in tutte e tre le dimensioni, cosa che non succede in nessuna altra tecnica o terapia, dove la combinazione della forza di gravitá e del lettino da massaggio (o il futon) limitano sempre i movimenti possibili.

Oltre ai movimenti creati dal Professionista di Watsu, il tuo corpo beneficerà della straordinaria libertà offerta dall'acqua per realizzare tutti gli ulteriori aggiustamenti che necessita per recuperare il suo stato naturale di benessere.

Watsu è una tecnica molto potente che agisce non solo a livello fisico, ma che contribuisce a alleviare anche lo stress mentale. Spesso i clienti paragonano l'esperienza a uno stato quasi onirico, come se stessero "volando liberi fra le nuvole".

Durante una sessione di Watsu riceverai movimenti di stiramento, torsioni e pressioni sui punti Shiatsu; potrai sentire il tuo corpo muoversi sciolto e libero, come un pesce nell'acqua. Al termine della sessione, la tua colonna vertebrale sarà più rilassata e flessibile e a livello di tutte le tue articolazioni potrai sperimentare un piacevole stato di leggerezza generato da un'ora passata in assenza di gravità

Inoltre, il Watsu ha gli stessi effetti di un drenaggio linfatico. La pressione idrostatica stimola e potenzia la circolazione sanguigna e linfatica. Dunque la tecnica è molto indicata nei casi di ritenzione idrica o infiammazioni episodiche o ricorrenti a carico delle articolazioni.

Si ricorre al Watsu anche in alcuni casi di esperienze traumatiche vissute in acqua o se esiste fobia dell'acqua. Il professionista Watsu sostiene il cliente mantenendone costantemente il viso sopra al livello della superficie, consentendogli di fare l'esperienza di un galleggiamento libero e al momento stesso sicuro, senza sforzo o preoccupazione.

 

A chi si rivolge il Watsu?

Di seguito un elenco dei gruppi di riceventi e una specifica individuazione del target di clienti che hanno tratto benefici immediati da sessioni di Watsu condotte da Professionisti autorizzati e formati presso la nostra scuola e i cambi più rilevanti osservati:

* Anziani: recupero di vitalità (gioia di vivere), miglioramento della qualità del sonno, aumento del livello di autostima, sollievo da dolori articolari (dolori alle ginocchia, dolori alle anche, dolori nella zona lombare, dolori di schiena), incremento della mobilità articolare, sensazione di leggerezza, aumento della capacità respiratoria, miglioramento della digestione e del transito intestinale.

* Adulti: trattamento dell'insonnia, miglioramento della concentrazione, dell'umore e della digestione. Sollievo da contratture muscolari, da dolori di schiena e dell'area collo-spalle, sollievo da mal di testa ed episodi di emicrania, riduzione dell'ansia.

* Sportivi: aumento della rapidità in fase di recupero muscolare, defaticamento più efficace, aumento della mobilità articolare, miglioramento della flessibilità, aumento della capacità di concentrazione, maggiore chiarezza mentale e induzione al pensiero positivo. Il Watsu è parte integrante del programma di allenamento di una vasta gamma di sportivi in differenti discipline (golf, equitazione, triathlon, canoa, sci, etc.) e del team olimpico Polacco.

* Donne in stato di gravidanza; sensazione di leggerezza, sollievo da dolori di schiena, spalle e collo, sollievo da contratture muscolari e sciatica, dialogo intenso, armonico e silenzioso con il nascituro e nella coppia.

* Bambini: rilassamento, riduzione dell'iperattività, aumento della capacità di focalizzare l'attenzione (ADHD - Attention Deficit Hyperactivity Disorder), maggiore chiarezza mentale, miglioramento delle relazioni sociali.

Il Watsu inoltre apporta benefici quando si inserisce come complemento nel trattamento di patologie specifiche come asma, fibromialgia, spasticità in bimbi o adulti con paralisi cerebrale e contratture muscolari croniche.

Il Watsu viene utilizzato in diversi paesi e la sua efficacia è stata dimostrata nel trattamento di pazienti con sindrome da stress post traumatico (PTSD - Post Traumatic Stress Disorder) e persone in situazione di stress psicologico ed emotivo: vittime di abusi, veterani (studi in corso negli Stati Uniti), persone che hanno avuto incidenti, orfani e bambini adottati (uno studio condotto in Ungheria dimostra che i bambini che seguono un programma di Watsu che comprende sedute di almeno 20 minuti al giorno hanno maggiori possibilità di essere adottati).

 

Vantaggi terapeutici del Watsu

I fisioterapisti e gli osteopati che aggiungono il Watsu alla loro formazione arricchiscono le loro competenze e acquisiscono una serie di potenti strumenti per trattare in acqua un gran numero dei loro pazienti:

  1. Patologie ortopediche che possono trarre giovamento dal trattamento con Watsu:
    1. Patologie accompagnate da spasmi o contratture muscolari, dolore e/o riduzione della mobilità articolare.
    2. Dolori di schiena.
    3. Ernie discali.
    4. Traumatismi.
  2. Patologie neurologiche in cui Watsu può accompagnare la terapia di riabilitazione:
    1. Ictus
    2. Lesioni cerebrali.
    3. Lesioni midollari.
    4. Paralisi cerebrale.
    5. Sindrome di Parkinson.
    6. Sclerosi multipla.
    7. Sindrome di Down, sindrome di Rett, etc.
  3. Varie forme di artrite:
    1. Osteoartrite.
    2. Artrite reumatoide.
  4. Watsu come complemento della riabilitazione respiratoria:
    1. Asma.
    2. Fibrosi cistica.
    3. Polmonite cronica.
    4. Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).
  5. Pazienti durante il decorso post-operatorio.
  6. Pazienti post-mastectomia.
  7. Fibromialgia e altri disturbi funzionali.
  8. Sindrome da distrofia simpatico riflessa (RSD - Reflex Sympathetic Dystrophy Syndrome).
  9. Pazienti con dolore cronico (Watsu come complemento del sostegno psicologico).

Targets di riferimento che hanno dimostrato l’efficacia pratica dei trattamenti Watsu:

  1. Vittime di abuso (Watsu come complemento del sostegno psicologico).
  2. Pazienti con sindrome da stress post traumatico (PTSD - Post Traumatic Stress Disorder).
  3. Pazienti con disturbi del sonno e insonnia.
  4. Situazioni di stress sul lavoro.

Nota: Watsu, così come le altre tecniche descritte in questo sito sono tecniche del benessere che possono essere complementari alle terapie mediche e sanitarie e successive ad una diagnosi medico/sanitaria.

La materia appresa durante i corsi è da considerarsi un'esperienza di formazione culturale e/o professionale. La sua successiva applicazione può essere consentita sia agli operatori del benessere che ai professionisti sanitari. L'applicazione da parte di professionisti non ordinistici è subordinata e regolamentata dalla legge nazionale 4/2013.

Il termine “Terapia” e suoi derivati (es. “vantaggi terapeutici”) è usato in questo sito e nei documenti della scuola e manuali dei corsi nel caso in cui la tecnica venga esercitata da mano medica o da professionisti sanitari.

Effetti specifici del Watsu sull'organismo.

Origini del effetti positivi sul sistema nervoso parasimpatico:

  • Movimenti ritmici e ripetitivi.
  • Diminuzione della stimolazione sensoriale (visuale- occhi chiusi – e uditiva -orecchi sott'acqua, perdita della azione della forza di gravità).
  • Riduzione dell’entrata di informazioni sensitivo-tattili (omogenea e morbida frizione della pelle con l’acqua durante il movimento).
  • Calma e armoniosa stimolazione del sistema vestibolare.
  • Contatto fisico con il professionista Watsu.
  • Uso delle tecniche di lavoro corporeo specifiche di Watsu.

 

Variazioni a livello fisiologico indotte dal sistema nervoso parasimpatico:

  • Diminuzione della frequenza cardiaca.
  • Riduzione del ritmo respiratorio.
  • Aumento della profondità della respirazione (capacità ventilatoria).
  • Vasodilatazione periferica.
  • Aumento dell'attività della muscolatura liscia (apparato digerente).
  • RIduzione dell'attivazione della muscolatura striata (apparato scheletrico)
  • Diminuzione della spasticità.
  • Stimolo della risposta dal sistema immunitario.
  • Miglioramento dell'attività del sistema linfatico (drenaggio).

 

Benefici specifici dati dal rilassamento:

Immediati:

  • Aumento dell'ampiezza di movimento a livello articolare.
  • Riduzione della spasticità muscolare.
  • Riduzione dell'attivazione muscolare.
  • Miglioramento della viscoelasticità dei tessuti molli.
  • Riduzione del dolore compresa fra il 40 e il 60%.

 

A lungo termine:

  • Miglioramento dei ritmi e della qualità del sonno.
  • Miglioramento del transito intestinale e dell'attività dell'apparato digerente.
  • Miglioramento della risposta del sistema immunitario e della capacità di autoguarigione.
  • Miglioramento della qualità di vita e della percezione del proprio stato di salute..

 

Come è nato il Watsu?

Il Watsu nacque nel 1980, in California presso Harbin Hot Springs, grazie ad Harold Dull. Poeta della corrente del cosidetto "Rinascimento di San Francisco”, dopo un lungo viaggio per il mondo e un periodo di vita trascorso in Giappone - durante il quale studiò Zen Shiatsu con il Maestro Masunaga - fondò la sua scuola di Shiatsu in California. Grande amante dell'acqua, iniziò a sperimentare i movimenti e gli stiramenti dello Zen Shiatsu su un lettino posto sul livello dell'acqua di una piscina termale. Immediatamente si rese conto che, dando sostegno al suo cliente, la funzione del lettino veniva meno. Così nacque il Watsu.

Da quel momento, nel corso di oltre 30 anni e grazie al contributo di centinaia di professionisti provenienti dallo Yoga alla Fisioterapia, dal massaggio Thailandese allo Shiatsu, il Watsu è evoluto fino a prendere la forma attuale.

 

Watsu oggi

Watsu MKS, la tecnica Watsu più avanzata

La tecnica di Watsu MKS che viene trasmessa presso la Scuola Internazionale di Watsu è la risultante di un profondo e lungo percorso di esperienza, studio e ricerca avviato nel 2005 da Giovanni Baccarani, con il sostegno dei suoi più stretti collaboratori, finalizzato a demistificare "la magia del Watsu" e far emergere con chiarezza cosa genera gli effetti del Watsu. L'obiettivo è quello di “professionalizzare” questa tecnica e allontanarla dall'aura "new age" che l'accompagna, per sviluppare tutto il potenziale che possiede.

Gli studi da lui condotti hanno determinato un salto quantico nello sviluppo della tecnica Watsu grazie al quale è nato lo stile MKS proprio della Scuola Internazionale di Watsu.

L'innovazione dello stile Watsu MKS sta nel sostegno dato al ricevente. L'evidenza empirica dimostra che solo rispettando l'allineamento fisiologico del corpo si riesce ad ottenere il massimo livello di mobilità della colonna vertebrale e la massima ampiezza respiratoria. A partire da questo dato di fatto si è giunti a un sostegno organizzato su 5 punti, che permette di controllare le 16 variabili di allineamento del corpo in acqua, così come viene spiegato di seguito.

L'innovativo sistema di sostegno della testa TSC (Triangolo di Sostegno del Cranio) permette di controllare:

  1. Basculamento della testa.
  2. Flessione/Estensione del collo.
  3. Rotazione della testa.
  4. Flessione laterale del collo.
  5. Forza di trazione a livello occipitale.
  6. Spostamento dell'asse verticale della testa rispetto all’asse longitudinale della colonna.
  7. Allineamento delle spalle rispetto al piano orizzontale di galleggiamento.
  8. Rotazione interna/esterna delle spalle (e conseguente aperture del torace).
  9. Inclinazione della parte alta del tronco rispetto al piano orizzontale di galleggiamento.

Il quarto punto di contatto (nella zona corrispondente al costato) unito al sostegno sotto il sacro, combinato con il TSC, permette inoltre di controllare:

  1. Flessione/Estensione della colonna vertebrale.
  2. Flessioni laterali della colonna vertebrale (con possibilità di creare o controllare più curve allo stesso tempo).
  3. Torsione della colonna vertebrale.
  4. Allineamento o dissociazione dell’asse delle anche rispetto all’asse delle spalle.
  5. Anteroversione/Retroversione del bacino.
  6. Forza di trazione a livello del sacro.
  7. Profondità di immersione dell'area pelvica.

Questo controllo dettagliato degli allineamenti e degli assi del corpo, unito all'integrazione nel Watsu della facilitazione neuromuscolare propriocettiva (FNP), ci permette di potenziare l'attività respiratoria utilizzando in modo attivo - e consapevole - le proprietà dell'acqua (pressione idrostatica, viscosità, galleggiabilità - Principio di Archimede).

Ciò che per molti è la "magia” del Watsu - ovvero il sostegno
e l'accoglienza che i professionisti sono in grado di offrire - si risolve nel Watsu MKS
in un benessere fisico reale, profondo e prolungato nel tempo.

Vai all'inizio della pagina